Inter Fiorentina 2-1 rigorino ed espulsione



Un rigorino (*) a favore dell’Inter per un fallo di mano a 30 cm con ammonizione ingiusta che poi diventa espulsione (**) generosa e contribuisce in modo determinante alla sconfitta della Fiorentina.
Si gioca, si corre ma non si tira mai in porta!!!
Alcuni giocatori oggi hanno giocato sotto tono e arriva la seconda sconfitta in trasferta su 3 gare giocate. Adesso occorre ritrovare la forza per continuare a giocare bene, concludere verso la porta avversaria e tornare a fare punti per risalire qualche posizione in classifica.
Domenica arriva il Bologna dell’ex Gilardino e ci vogliono 3 punti anche senza giocare bene. Facundo da giovane giocava centravanti e farebbe senz’altro meglio di Ljajic che si conferma non idoneo a giocare di punta
VIVIANO 6,5
Fa alcune belle parate e può fare poco sul rigore di Milito che intuisce e sul goal di Cassano. All’ultimo va in attacco ma l’arbitro fischia prima dell’ultimo cros
RONCAGLIA 6,5
Lotta come al solito
RODRIGUEZ 5
Sfortunato a giocare nella Fiorentina dove i rigori a sfavore si fischiano anche se da 30 cm ti tirano sul braccio e pure ti ammoniscono.. se poi fai un fallo ti espellono
TOMOVIC 6,5
Bel giocatore !
CUADRADO 6
Ci prova e tiene a bada Nagatomo esce al 25° secondo tempo
TONI SENZA VOTO
Entra negli ultimi 24 minuti con la squadra stanca ed in dieci
ROMULO 6,5
Bel goal e tanta corsa
PIZARRO 6,5
Tanta qualità del professore compreso l’assist del goal
BORJA VALERO 5
Sotto tono, sbaglia diversi passaggi, esce al 37° secondo tempo
MIGLIACCIO SENZA VOTO
Entra per gli ultimi 12 minuti e non incide in niente
PASQUAL 6
Sufficiente come sempre
LJAJIC 5
Troppo leggero, esce alla fine del primo tempo
MATIAS FERNANDEZ 6,5
Entra al posto di Ljajic e dimostra subito che è un gran bel giocatore, di  classe
JOVETIC 4,5
Non fa niente
MONTELLA 6
La squadra gioca ma ora basta con Ljajic, ci vuole Toni dal primo minuto oppure Roncoglia centravanti oppure entra lui stesso

(*) A quali criteri deve attenersi l’arbitro per stabilire che un calciatore ha toccato il pallone con le braccia o con le mani volontariamente?
Deve valutare se il contatto tra il pallone e la mano o il braccio è voluto dal calciatore o se questi allarga, alza, muove o, comunque, tiene le mani o le braccia con l’intenzione di costituire maggior ostacolo alla traiettoria del pallone. Non deve però essere considerato intenzionale il gesto istintivo di ripararsi il viso o il basso ventre dal pallone, oppure se, per naturale effetto del movimento corporeo, un calciatore tiene le braccia distaccate dal busto ed il pallone vi urta contro, oppure se per effetto della distanza ravvicinata il calciatore non ha potuto evitare il contatto tra le braccia ed il pallone.
(**) Quando il fallo di mano deve essere punito tecnicamente e quando
disciplinarmente ? 
a) quando priva la squadra avversaria di una rete o della evidente opportunità
di segnarla: calcio di punizione diretto o di rigore ed espulsione;
b) quando impedisce alla squadra avversaria, o propizia per la propria squadra, lo sviluppo di una importante azione di gioco, indipendentemente dal punto del terreno di gioco dove si è verificato: calcio di punizione diretto o di rigore  ed ammonizione;
c) negli altri casi va assunto solo il provvedimento tecnico: calcio di punizione diretto o di rigore.

 

 

Share SHARE

Comments are closed.