Juve che stile…. Berbatov al Fulham



Che storia quella di Berbatov….inseguito dalla Fiorentina per un mese, atteso a Peretola con tanto di accordo scritto con il Manchester United, aereo pagato, scalo da Manchester a Monaco dove i Gobbi Juventini lo fermano e cercano di ingaggiarlo.
Un vero e proprio dispetto ai Viola …. degno dello stile Juve….e che figura visto che Berbatov è la riserva del “top player” che la Rubentus insegue da mesi.(Van Persie)
Il Bulgaro che non era convinto della Fiorentina dice di si e il popolo Juventino sogghigna per aver fatto uno spregio ai Viola ingaggiando un Berbagobb di 31 anni e mezzo. Ma ride bene chi ride ultimo e l’aereo privato bianconero non porterà mai a Torino il giocatore che nel giro di 10 ore cambia ancora una volta idea facendo una bella pernacchia pure alla Juve.
Rimane in Inghilterra al Fulham.
Una beffa atroce per la Fiorentina addolcita sul finale da una figuraccia planetaria anche da parte dei rivali.
Può essere anche un segno positivo per il nostro futuro visto che potremmo tentare di ingaggiare un giocatore diverso, più giovane e motivato.
Bene ha fatto la società Viola a diramare un comunicato ufficiale sulla vicenda grottesca.
LA FIORENTINA BERBATOV E I CONFINI DELLA LEALTA’  29/08/2012 22:17
ACF Fiorentina comunica che l’operazione di acquisizione del calciatore Dimitar Berbatov è saltata definitivamente dopo che era stato definito un accordo con il Manchester United (scambio di contratto condiviso, prima rata del corrispettivo in pagamento e garanzia fideiussoria per la seconda rata già sottoscritta) e dopo che era stata raggiunta un’intesa verbale con il calciatore sul suo contratto. Nella giornata di oggi, il club inglese aveva concesso al suo tesserato il permesso scritto di recarsi a Firenze per le visite mediche e per firmare il contratto. Il calciatore si era imbarcato, in compagnia del suo procuratore e con biglietti pagati dalla Fiorentina, su un volo diretto a Firenze. Ma a Firenze il giocatore non è mai arrivato. A causa di operazioni spericolate e arroganti di altre società, che niente hanno a che fare con i valori della correttezza, del fair play e dell’etica sportiva e che si collocano oltre i confini della lealtà. Per quanto riguarda il calciatore, al di là delle sue caratteristiche e del suo valore tecnico, a questo punto siamo felici che non sia venuto alla Fiorentina: non meritava la nostra città e la nostra maglia e i valori che essa rappresenta.
http://it.violachannel.tv/dettaglio-societa/items/la-fiorentina-berbatov-e-i-confini-della-lealta.html

Share SHARE

Comments are closed.