Malafede


BY MG BLOG >>
Via, mi son detto, lasciamo perdere, ci dormo su…
Domattina a mente fredda ci ripenso, e vedrai che tutto appare chiaro: il valore dell’avversario; la loro supremazia nel primo tempo; la stanchezza di una squadra strizzata dalla forse eccessiva nevrosi di una finale di Coppa Italia, costretta a giocare con gli stessi effettivi da troppo tempo, a fare i conti con l’assenza del faro spagnolo di centrocampo; le, a dir poco, opininabili scelte di formazione iniziale, senza una punta di ruolo, senza la copertura di Pasqual, con in campo un Aquilani che alla Snai era dato 10 a 1….
Poi stamattina mi sveglio, faccio il compitino del ricordo, e….
classifica serie A senza errori arbitrali al 16 febbraio 2014 non aggiornata dopo l'ennesimo furto ai danni della FiorentinaE no!!!!
No, perchè una maglia bianca davanti ad una maglia viola, in 100 metri quadrati di libero campo verde, in una lenta (per i canoni calcistici) azione di gioco, non è, non può essere una svista per chi di mestiere deve vedere solo quello!
No, non raccontatemi la favoletta dell’errore umano, del fischio che nell’incertezza non fischia.
C’è un solo nome per tutto ciò: malafede.
E c’è malafede nei cartellini gialli che non escono nel primo tempo, nel rigore solare su Joaquin prima del duplice fischio.
C’è malafede se quando regali un giallo per un fallo netto ed inutile su Cuadrado, non hai il coraggio di regalarne un secondo, che significherebbe rosso, a fronte di una reazione scomposta e imbarazzante dello stesso giocatore sullo stesso colombiano.
E attenzione: non c’entra niente l’avversario; l’Inter è solo il beneficiario di turno.
La vittima è la Viola, colpevole di rappresentare la realtà bella, pulita, fuori dagli schemi, nei suoi attori e nei suoi dirigenti, di un calcio italiano incanalato su un copione che tutti ormai conosciamo a memoria.
Occhieggiate un attimo la classifica senza errori arbitrali (fra l’altro, dopo ieri sera, da aggiornare)…
Ancora dubbi su chi “deve” occupare il podio della Serie A?

PS da Tifosiviola.it
Damato, l’ arbitro interista che stravede per Cassano
Leggi l’articolo di Repubblica 01 Maggio 2002 >>>

Share SHARE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *