Un uomo solo in mezzo al campo



14_02_24_Montella fa il gesto delle manette in segno di protesta contro gli arbitri contrari alla Viola Fiorentina TifosiBY MG BLOG>>
Montella, ieri,
ore 20.50 circa:

“Vediamo se ha il coraggio… io sono sotto i riflettori di questo stadio nemico, che però mi riconosce il valore di un pareggio acciuffato in 10… faccio qualche passo verso il centro campo, uomo solo ma con il mento rivolto a lui… il giallo di turno, tale Gervasoni (ma non era un personaggio di Aldo, Giovanni e Giacomo?).
Arbitro, urlo, venga a stringermi la mano!
Ma come, mi guarda appena da sopra la spalla, con sguardo trucido?
Forse bofonchia anche un “vaffa…” e scomoda i Santi?
Guarda come se va lesto lesto verso il riparo sicuro degli spogliatoi, e le braccia amiche del Braschi-protettore, con il pallone sotto il braccio sprezzante nei miei confronti, nei confronti delle maglie viola che lo circondano?
Eppure mi avevano insegnato che l’arbitro lascia il campo per ultimo, a meno che non sia braccato dalla folla, costretto a uscire dallo stadio scortato dalle camionette della Polizia…
Ma io non sono la folla, sono solo un allenatore che ha raggiunto il limite!
Io, come la mia Società, come una Città intera.
No, non è per il rigore subito, né per quello non concesso (anche se, e stento ancora a crederlo, ho sentito quella giacchetta gialla che apostrofava Marione con un qualcosa tipo “sei ridicolo, pezzo di m…”).
Non è per il rosso a quel cammellone del nostro difensore nero, né per il rosso alla rabbia del più calmo dei miei centrocampisti.
E’ per l’atteggiamento, per la sfida che sempre più spesso dobbiamo affrontare!
E’ vero, è chiaro: siamo diventati antipatici
Il diverso lo è sempre, e noi siamo diversi: pretendiamo di dare spettacolo in campo, di fare il terzo tempo, di parlare di Fair-Play, di abbattere barriere allo stadio, di professare un diverso approccio agli stipendi dei giocatori e alla ripartizione dei diritti televisivi …
Osiamo sognare la Champions, anche se i nostri abbonati a Skymediaset sono metà della metà di quelli di Napoli, Roma o juve…
Ora abbiamo anche un presidente onorario che si permette di dare dell’imbecille a chi fa proclami idioti, ma porta un cognome troppo pesante e intoccabile.
Via, basta! La giacchetta gialla ha già sceso le scalette… Domani, forse, mi squalificano… Daranno due giornate a Borja per fargli saltare Torino…
Anzi no, vista l’aria che tira gliene danno quattro, così salta anche Napoli!
E poi Braschi dirà che l’arbitro è stato perfetto, e che siamo noi facinorosi, da punire perché colpevoli di ogni schifezza….
Un copione già visto. Eh si, siamo diventati proprio anticipatici…..”

E rimase solo, come soli rimaniamo noi, poveri illusi Tifosi Viola…

BY MG BLOG>>

Share SHARE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *